¿Se puede llamar un operativo limpio cuando hirieron gravemente de bala a dos mujeres indígenas que no contaban con ningún tipo de arma?

4 Ago

Oaxaca de Juárez, Oax; a tres de agosto de dos mil diez.

A LOS MEDIOS DE COMUNICACION

A LOS PUEBLOS DE MEXICO Y EL MUNDO

A LAS ORGANIZACIONES SOSIALES Y DE DERECHOS HUMANOS

A LA OTRA CAMPAÑA

El pueblo digno de San Juan Copala se dirige a ustedes con gran dolor para que se conozca la verdad de los acontecimientos que se suscitaron en nuestra comunidad el pasado viernes 30 de julio.

Ese día 30 de julio cerca de 200 elementos de la policía estatal al mando del Comisionado Jorge Quezada entraron de manera violenta a nuestra comunidad con el pretexto de rescatar el cuerpo sin vida de uno de los jefes paramilitares más sanguinarios de esta región, junto con los policías iba un grupo fuertemente armado de al menos 20 pistoleros de la UBISORT, las mujeres que se encuentran en la comunidad para defender a los niños y su territorio formaron una valla humana para impedirles el paso, pero ellos empezaron a disparar hacia todos lados, todas  se protegieron como pudieron pero las compañeras Selena y Adela de apellidos Ramírez López de 17 y 15 años de edad no tuvieron tiempo de hacerlo por lo que fueron alcanzadas por las balas resultando gravemente heridas, por su estado de salud tuvieron que ser trasladadas a un hospital de la Ciudad de Oaxaca, hasta el día de hoy Selena y Adela libran una batalla dura contra la muerte las dos ya fueron intervenidas quirúrgicamente, a Selena la bala le atravesó el pulmón  y la reportan como grave a su hermana Adela la bala le daño los intestinos y se le alojo en la columna vertebral por lo que es muy probable que no vuelva a caminar si logra recuperarse ya que su estado es sumamente grave.  Ese es el OPERATIVO LIMPIO de Jorge Quezada por si fuera poco  este jefe policiaco  le dio posesión a los pistoleros de la UBISORT del Palacio Municipal mismos que hasta el día de hoy resguardan fuertemente armados y mantienen a los pobladores en un constante acoso, debemos recordar que  nuestro pueblo ha estado secuestrado por este grupo de criminales pertenecientes a la UBISORT por más de ocho meses, en los últimos meses se han agudizado los ataques hacia nuestros hermanos especialmente hacia las mujeres que han padecido ataques físicos y amenazas, ellas son las que más sufren la violencia, ahora resulta que después de que nos han matado a nuestros compañeros y compañeras, ellos que han generado toda esta ola de violencia hoy nos quieren acusar a nosotros de esa muerte de la cual nosotros somos totalmente inocentes.

La forma de realizar este tipo de operativos que solo reprimen a nuestros compañeros y nuestros pueblos que han sido al mas puro estilo de Ulises Ruiz Ortiz, nos referimos a su forma de aplicar la ley tan particular de este señor criminal que primero reprime y daña para que después a través  de los medios de comunicación dice todo lo contrario y que todo esta bien,  en este caso no fue la excepción ya que después que nos fueron a reprimir salieron a los medios y el Comisionado de la Policía Jorge Quezada declaro que “fue una acción limpia, no hubo violencia”, se puede llamar un operativo limpio cuando hirieron gravemente de bala a dos mujeres indígenas que no contaban con ningún tipo de arma para defenderse y que solo trataron de impedir el paso a los matones que iban con protección de la policía porque sabían que esto generaría más violencia e incertidumbre en la comunidad.

Por lo tanto responsabilizamos de la vida de nuestras hermanas y de lo que les pueda suceder a los habitantes que siguen en nuestra comunidad a la Procuradora del Estado MARIA DE LA LUZ CANDELARIA CHIÑAS, al Secretario General EVENCIO NICOLAS MARTINEZ y al Gobernador ULISES RUIZ ORTIZ quiénes ahora si no consideraron que el entrar a San Juan Copala podía ser muy peligroso como lo dijeron anteriormente cuando se les solicito por un acto de humanidad ya que la gente estaba muy mal y padece hambre.

Hoy le reafirmamos al mal gobierno que los pueblos indígenas llevan mas de 500 años resistiendo y no será un grupo de perversos en el poder el que vea a San Juan Copala ir de rodillas a su tan añorada mesa de dialogo sabemos perfectamente que es el precio que estamos pagando por no querernos sentar a dialogar y haber desmentido al secretario de gobierno. Y reafirmamos el dialogo se debe dar entre comunidades y dirigentes naturales nombrados en asambleas una vez que los criminales que han sembrado de dolor nuestro pueblo sean detenidos.

Por último hacemos un llamado a los compañeros solidarios del  pueblo  de Oaxaca a que  contribuyan con la familia de nuestras compañeras de la forma que puedan pues por la situación económica y moral por la que atraviesan es sumamente crítica y se necesita de su aporte.

NOS TIENEN MIEDO PORQUE NO TENEMOS MIEDO

RESPETUOSAMENTE

MUJERES EN RESISTENCIA DE SAN JUAN COPALA

Una respuesta to “¿Se puede llamar un operativo limpio cuando hirieron gravemente de bala a dos mujeres indígenas que no contaban con ningún tipo de arma?”

  1. Nodo Solidale agosto 5, 2010 a 4:16 pm #

    ánimo compas,
    estamos al pendiente para que viva la digna autonomía de los pueblos indígenas y del mundo.

    Sigue la traducción al italiano de los ultimos comunicados:
    http://www.autistici.org/nodosolidale/news_det.php?l=it&id=2039

    Paramilitari e polizia nel Municipio Autonomo di San Juan Copala

    Paramilitari e polizia nel Municipio Autonomo di San Juan Copala

    ALLERTA ROSSA

    REPRESSIONE NEL MUNICIPIO AUTONOMO DI SAN JUAN COPALA

    Ai mass media
    Ai popoli indigeni di Mexico e del Mondo
    Alle organizzazioni di diritti umani, nazionali ed internazionali.
    Ai movimenti sociali, organizzazioni di sinistra, democratiche e rivoluzionarie.
    Alle Donne ed Uomini degni che difendono la lotta per la verità, la giustizia e i sogni di autonomia e che giorno dopo giorno difendono il Messico dal basso, che resiste e si rialza, a tutti quelli che si solidarizzano e sognano un mondo migliore.

    Sorelle e fratelli,

    Oggi, ancora una volta, è stato represso e colpito il Municipio Autonomo di San Juan Copala da Ulises Ruiz Ortiz ed Evancio Nicolas Martinez, che deviando l’attenzione ne approfittano per farci sparire come municipio, utilizzando la scusa della morte di Anastasio Juarez, dirigente del gruppo paramilitare UBISORT che ha a che fare con la faida per il controllo politico dalla presidenza di JUXTLAHUACA, per imporre suo presidente ad interim, così come come i conflitti contro taxisti dalla CNC che sono stati trattenuti e rapinati i giorni scorsi nella comunita’ de La Sabana, tra tanti altri atti di repressione contro la gente del mercato municipale. Cercano cosi’ di accusare al Municipio autonomo per smantellarlo, indicandoci come i responsabili dalla morte di uno dei piu’ violenti paramilitari dalla regione, responsabile delle aggressioni nella regione di Juxtlahuaca y Tlaxiano, che pure aveva vincoli col crimine organizzato e operava come sicario di Carlos Martinez Villavicencio e dei fratelli Mejia, sotto la tutela del governo dello Stato.

    Il governo di Ulises Ruiz continua a reprimere il Popolo di Oaxaca, specialmente il Municipio Autonomo di San Juan Copala. Infatti, oggi 30 luglio alle 12:15 dalla sera sono entrati piu’ di 100 elementi dalla polizia Preventiva con 30 uomini pesantemente armati, tra i cui si distingue a capo delle operazioni Rufino Juarez, Antonio Cruz alias el Pajaro, Ramiro Dominguez, Julio Cesar Morales Martinez tutti dirigenti del Gruppo Paramilitare UBISORT, che comandavano la polizia dello stato. Sono proprio loro quelli segnalati come aggressori e assassini di Betty Cariño e Jyri Jaakkola il 27 aprile di questo anno, come di altre aggressioni contro donne e bimbi dalla comunità, senza dimenticare che si imposero con la forza delle armi e con l’appoggio e protezione del Governo Ulisista l’8 giugno quando provava ad entrare la carovana umanitaria chiamata “Betty Cariño e Jyri Jaakkola” senza che essa potesse arrivare a destinazione a causa degli accerchiamenti imposti dallo stato e per i tre posti di blocco dell’Ubisort.

    E’ inconcepibile che il governo crei uno scenario in cui, sfruttando la morte di Anastasio Juarez, abbia preso con le armi la comunita’ di Copala, dove le donne, che cercarono di bloccare l’entrata con un cordone, sono state aggredite con spari non solo dall’UBISORT ma anche dalla stessa polizia statale preventiva, provocando in questo momento il ferimento di alcune persone, tra cui due compagne, Selena Ramirez Lopez di 18 anni ed Adela Ramirez Lopez di 15 anni, mentre due nostri compagni sono scomparsi Alfredo Martinez e Hipolito Merino. Questi sono i casi di cui fin’ora sappiamo, ma ci sono tante altre donne e bambini che rimangono nascosti dentro le case o nel monte col rischio e la paura di essere assassinati. Ci stanno mostrando come lo stato aiuta con la massima protezione questo gruppo paramilitare, mentre una carovana umanitaria e’ vittima di un’imboscata armata e un’altra carovana civile e pacifica e’ stata minacciata come e’ successo con quella dell’8 giugno.

    Denunciamo che è stata occupata la comunita’ dagli stessi paramilitari dall’UBISORT che ha armato ed installato il governo di stato e con la protezione della polizia in borghese che difende tale gruppo. Facciamo quindi una chiamata urgente a tutte e tutti i movimenti sociali, di donne, di diritti umani, all’Altra Campagna, ai sindacalisti e a tutti uomini e donne che si battono contro questo crimine e contro la violenza che sta mettendo in pericolo la vita di persone innocenti.

    Riteniamo responsabili il Governo di Ulises Ortiz, assieme a Evencio Martinez e Jorge Franco di quello che possa accadere alle donne, bambini e uomini della comunita’, come della repressione nelle altre comunita’, e per questo esigiamo che cessino il conflitto e ritirino la forza paramilitare dell’UBISORT, cosi’ come tutti quelli che la sostengono.

    Esigiamo l’intervento urgente del governo federale per fermare, smantellare e smilitarizzare il gruppo UBISORT che tiene la regione in un clima di terrore.

    Basta violenza contro il Nostro Popolo!
    Prigione per i responsabili e gli assassini di Betty e Jyri
    Per la Autonomia del Popolo Triqui

    Municipio Autonomo di San Juan Copala

    Si può definire un’operazione pulita quando sono state ferite gravemente con proiettili due donne indigene che erano completamente disarmate?

    Oaxaca, 3 agosto 2010

    AI MEZZI DI COMUNICAZIONE
    AI POPOLI DEL MESSICO E DEL MONDO
    ALLE ORGANIZZAZIONI SOCIALI E DEI DIRITTI UMANI
    ALL’ALTRA CAMPAGNA

    Il popolo degno di San Juan Copala si rivolge a voi con grande dolore affinché possiate conoscere la verità sui fatti successi alla nostra comunità venerdì scorso, 30 luglio 2010.
    Quel giorno, il 30 luglio, circa 200 effettivi della polizia statale sotto il comando del Commissario Jorge Quezada sono entrati con violenza nella nostra comunità con il pretesto di recuperare il corpo senza vita di uno dei capi paramilitari più sanguinari di questa regione. Insieme alla polizia, c’era un gruppo armato di almeno 20 paramilitari dell’UBISORT. Le donne della comunità, per difendere i loro figli e il loro territorio, hanno formato un cordone per bloccare l’entrata dei militari, ma questi hanno cominciato a sparare in tutte le direzioni. Tutte si sono protette come hanno potuto, ma Selena e Adela, di cognome Ramirez Lopez, di 17 e 15 anni, non hanno avuto il tempo di farlo perché sono state colpite dai proiettili, rimanendo gravemente ferite. Sono state trasportate in un ospedale di Oaxaca. Oggi Selena e Adela stanno combattendo una dura battaglia contro la morte, entrambe già operate d’urgenza. Selena è stata colpita da un proiettile al polmone ed è grave, sua sorella Adela è ferita all’intestino e alla spina dorsale e c’è il forte rischio che non possa mai più camminare se si riprenderà, giacchè il suo caso è particolarmente grave.

    Questa è L’OPERAZIONE PULITA di cui parla Jorge Quezada. Questo capo di polizia avalla l’occupazione del palazzo del Comune da parte degli stessi paramilitari dell’UBISORT che, fino ad oggi, fanno la guardia armati di tutto punto e tengono la popolazione sotto costante minaccia. Dobbiamo ricordare che il nostro popolo è sotto l’assedio di queste forze paramilitari e criminali dell’UBISORT da più di otto mesi. Nell’ultimo mese si sono acutizzati gli attacchi verso i nostri fratelli e soprattutto contro le donne, che hanno subito attacchi fisici e minacce. Loro sono quelle che più stanno soffrendo la violenza. Ora risulta che, dopo aver ucciso i nostri compagni e compagne, proprio quelli che hanno generato quest’onda di violenza vorrebbero accusarci di della morte di un paramilitare, della quale noi non siamo assolutamente responsabili.

    La forme di procedere di questo tipo di operazione, che sa solo reprimere i nostri compagni e il nostro popolo, sono perfettamente coerenti con lo stile di Ulises Ruiz. Ci riferiamo al modo così particolare di applicare la legge di questo criminale signore, che prima reprime e uccide per poi dopo, attraverso i media di comunicazione, dire tutto il contrario e che tutto è a posto. Anche questo caso non fa eccezione, dato che dopo essere venuto qui a reprimere, il Commissario Jorge Quezada ha dichiarato ai media che “E’ stata un’operazione pulita, non c’è stata violenza”. Si può definire un’operazione pulita quando sono state ferite gravemente con proiettili due donne indigene che erano completamente disarmate? Due donne che cercavano solo di bloccare il cammino agli assassini che avanzavano con la protezione della polizia, perché sapevano che la loro presenza avrebbe generato solo più violenza ed incertezza nella loro comunità?

    Per questo dichiariamo responsabili della vita delle nostre sorelle e di quello che potrebbe succedere agli abitanti della nostra comunità alla Procuratrice di Stato MARIA DE LA LUZ CANDELARIA CHIÑAS, al Segretario generale EVENCIO NICOLAS MARTINEZ e al Governatore ULISES RUIZ ORTIZ, i quali adesso non considerano che entrare a San Juan Copala è pericoloso, come hanno dichiarato più volte, quando si sollecitava loro un atto di umanità dato che la gente della comunità sta male e soffre la fame.

    Oggi riaffermiamo al mal governo che i popoli indigeni resistono da più di 500 anni e non sarà un gruppo di perversi del potere quello che vedrà San Juan Copala in ginocchio al suo tanto sospirato tavolo di trattativa. Sappiamo perfettamente che stiamo pagando un prezzo per il nostro rifiuto di sederci a dialogare e per aver delegittimato il segretario di governo. Riaffermiamo che il dialogo si potrà avere tra le comunità e i dirigenti “naturali” nominati in assemblea solo quando i criminali che hanno seminato il dolore nel nostro popolo saranno stati arrestati.

    Infine facciamo un appello ai compagni solidali della città di Oaxaca affinché contribuiscano e aiutino la famiglia delle nostre compagne nelle forme che possono, dato che la situazione economica e morale che stanno attraversando è particolarmente critica ed hanno bisogno del vostro aiuto.

    HANNO PAURA DI NOI, PERCHE’ NON ABBIAMO PAURA.

    CON RISPETTO,
    LE DONNE IN RESISTENZA DI SAN JUAN COPALA

Responder

Introduce tus datos o haz clic en un icono para iniciar sesión:

Logo de WordPress.com

Estás comentando usando tu cuenta de WordPress.com. Cerrar sesión / Cambiar )

Imagen de Twitter

Estás comentando usando tu cuenta de Twitter. Cerrar sesión / Cambiar )

Foto de Facebook

Estás comentando usando tu cuenta de Facebook. Cerrar sesión / Cambiar )

Google+ photo

Estás comentando usando tu cuenta de Google+. Cerrar sesión / Cambiar )

Conectando a %s

A %d blogueros les gusta esto: